STATO DI ABBANDONO E MALTRATTAMENTI

A cura dell’Avv. Maria Luisa Missiaggia e dell’Avv. Maria Giulia Fenoaltea

In caso di maltrattamenti si può dichiarare lo stato di abbandono del minore?

 

LO STATO DI ABBANDONO DEL MINORE

La legge n. 184 del 4 maggio 1983 sancisce a chiare lettere che “il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell’ambito della propria famiglia”.

La legge, oltre che riconoscere al minore il diritto a vivere in un ambiente familiare sano, tale da consentirgli un armonico sviluppo della personalità morale e sociale, attribuisce altresì allo stesso il diritto di crescere ed essere educato nell’ambito della propria famiglia, privilegiando, quindi, i legami familiari naturali del bambino.

Tuttavia, nel caso in cui al minore non può essere garantita la crescita e lo sviluppo all’interno della sua famiglia, il giudice dovrà dichiarare lo stato di abbandono morale e materiale e si potrà procedere con l’adozione.

Lo stato di abbandono ricorre sia quando non esiste una famiglia, ossia quando il minore è orfano, privo di parenti o figlio di ignoti, ed in tal caso non sono necessarie alcune indagini; sia quando la famiglia è presente, tuttavia il minore risulta privo dell’assistenza morale e materiale necessaria per la sua crescita.

È chiaro che, proprio per i principi enunciati dalla legge soprarichiamata, l’allontanamento dal nucleo familiare d’origine è una soluzione adottabile unicamente quando ogni altro rimedio è inadeguato.

Tuttavia, la normativa di cui la legge n. 184 del 1983, non fornisce una definizione tassativa dei casi in cui un minore possa essere dichiarato in stato di abbandono.

Il legislatore, quindi, lascia al giudice la possibilità di stabilire lo stato di abbandono in ogni singolo caso.

A ben vedere, infatti, l’articolo 8 di detta legge, come modificato dalla l. n. 149 del 2001, al primo comma stabilisce che “sono dichiarati in stato di adottabilità dal Tribunale per i minorenni del distretto nel quale si trovano, i minori di cui sia stata accertata la situazione di abbandono perché privi di assistenza morale e materiale da parte dei genitori o dei parenti tenuti a provvedervi, purché la mancanza di assistenza non sia dovuta a causa di forza maggiore di carattere transitorio”.

Il Tribunale dei minori, quindi, pronuncia “la dichiarazione giudiziale dello stato di adottabilità” quando verifica che il minore è privo dell’assistenza materiale morale da parte dei genitori o dei parenti tenuti a provvedervi. Pertanto, unicamente se le carenze familiari sono così rilevanti da compromettere il fondamentale diritto del minore all’educazione, si giustifica l’irreversibile rottura dei rapporti di un minore con la sua famiglia biologica.

COME SI ESPRIME LA CORTE EDU?

Anche la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, ai sensi dell’art. 8 CEDU, ha più volte evidenziato l’eccezionalità dell’istituto dell’adozione quale misura contrastante con il diritto primario del minore alla crescita nell’ambito della propria famiglia di origine.

I giudici di Strasburgo, infatti, richiedono che le misure che comportano la rescissione dei legami fra un minore e la sua famiglia siano applicate solo in casi eccezionali.

COSA HA STABILITO LA CASSAZIONE?

Come premesso, ai sensi dell’art. 1 l. n. 184 del 1983, è diritto del minore vivere e crescere nella propria famiglia di origine, ma ciò fino a che non sussista una situazione di abbandono, la quale, ai sensi dell’art. 8 stessa legge, consiste nella mancanza di assistenza materiale e morale, grave ed irreversibile. Tale condizione si può verificare anche in presenza di episodi di maltrattamenti del minore, che, in casi estremi giustificano l’esigenza dell’adozione dello stesso.

Ebbene, per la cassazione, lo stato di abbandono del minore, può venire a configurarsi anche in ragione dell’assenza di idoneità genitoriale della madre, in seguito ad episodi di maltrattamenti subiti dal bambino e della sostanziale assenza di rapporti tra madre e figlio. (Cassazione civile sez. I, 13/07/2021, n.19946).

CLICCA QUI PER UNA CONSULENZA 
su questo ed altri argomenti.