fbpx

Coronavirus: impennata dei divorzi in Cina a seguito della quarantena

È stato riportato dal Global Times che in Cina, a seguito della forzata quarantena dovuta all’emergenza sanitaria scatenata dal Coronavirus (COVID-19), ci sia stato un boom di richieste di scioglimento dei matrimoni, tale addirittura da intasare gli sportelli di alcune città.

Ci si chiede se sia una situazione determinata solamente dal fatto che la prolungata chiusura di tutti gli uffici non abbia permesso per tutta la durata del periodo di quarantena di presentare tali richieste di scioglimento e quindi si siano semplicemente accumulate nel tempo, oppure se la forzata convivenza di questo periodo abbia influito. C’è chi ritiene, infatti, che parte della responsabilità sia dell’ordine di rimanere a casa, senza la possibilità di uscire, emanato dal governo cinese per far fronte all’emergenza sanitaria e ridurre il contagio; la convivenza forzata, insieme ad una situazione ad alto livello di stress, potrebbe aver fatto sorgere delle divergenze ed incompatibilità che prima, in delle vite scandite dal lavoro e dagli impegni quotidiani, non si potevano manifestare, non trascorrendo tutto questo tempo insieme. L’essere quindi obbligati a condividere tutte le attività quotidiane, tra faccende di casa e bambini può aver portato a queste situazioni di rottura che in altri periodi non si sarebbero verificati.

Ed in Italia? Potrebbe il trend essere lo stesso?

Maria Luisa Missiaggia, avvocato specializzato in diritto di famiglia da oltre trent’anni, sostiene: “Nei periodi difficili la condivisione di valori e principi è una priorità in una coppia che funziona. Sicuramente la quarantena fa esplodere le incompatibilità ed i conflitti per diversi modi di affrontare le emergenze, che sono presupposti per la accelerazione delle separazioni e dei divorzi. Non tutto il male vien per nuocere! Infatti sapere in tempi brevi che la persona che abbiamo accanto non è adatta a noi può essere un’occasione per ricominciare da soli affrontando tempestivamente ogni problematica relativa alla famiglia, con o senza bambini”.

Avv. Maria Luisa Missiaggia con la collaborazione di Ludovico Raffaelli

EMERGENZA COVID-19

Studiodonne garantisce i propri servizi in remoto.

É stata attivata la possibilità di prenotare online i servizi di consulenza mirata più adatti alle proprie necessità.
CONSULENZA ONLINE
close-link